Lettori fissi

Votami

Polpo con patate e nuovi acquisti

Come vi avevo anticipato,
durante la bella stagione mi sono dedicata soprattutto alla cucina.
Oggi voglio proporvi una ricetta che mi ha dato la mamma del ragazzo di mia sorella:

Polpo con patate.
Ingredienti:
- polpo 
- patate
- prezzemolo
- limone
- olio
- sale

Esecuzione:
lessare le patate. Sbucciare e tagliare a tocchetti.
Pulire il polpo (io ho usato quello congelato ed è venuto buonissimo), metterlo in acqua fredda e portare ad ebollizione. Lessare per 30 minuti. Toccare con uno stuzzicadenti per sentire se è cotto (deve risultare morbido). Lasciare raffreddare nella sua acqua. Tagliare a pezzetti. Aggiungere le patate, il sale, l'olio, il limone e il prezzemolo tritato. Mescolare il tutto e...buon appetito.

Purtroppo per questa ricetta non ho una foto, perchè l'abbiamo divorato subito dopo...capita...

In compenso, ho una foto della coccola che mi sono fatta comprando un nuovo alleato delle mie preparazioni...
tadààààààààà
Eccola qui la mia praticissima tavola per stendere la pasta fresca (prima o poi mi cimenterò), la pasta della pizza (prossimamente su questi schermi) e la pasta dei crackers che per ora è la prima che ho steso con enorme soddisfazione.
Che meraviglia!
Bene ragazze, per oggi è tutto.
Vi auguro una felice giornata

La mia nuova macchina del pane

Ciao a tutte, come state?
Avete ripreso la routine abituale o avete ancora il costume a disposizione?
E soprattutto, come avete trascorso l'estate?
La mia è stata un'alternarsi di muratori e preparazioni culinarie.
Eh si, perchè il caldo ha scoraggiato la mia vena creativa crocettosa che si è riversata sui fornelli.
Per il mio compleanno, inoltre, Mister R mi ha regalato questa meraviglia:
 Non sono celiaca, ma se mi volessi dilettare in preparazioni alternative...potrei.
Come sapete, non amo sponsorizzare marchi, ma visto che sto imparando a usarla e trovo un po' di difficoltà (mentre impasta fa un rumore infernale), volevo chiedervi qualche suggerimento...
mi rivolgo, ovvio, a chi ne ha una uguale.
Vi spiego. Sono andata in alcuni blog dedicati e ho trovato una spiacevole sorpresa: molti si lamentano del fatto che se non usi le farine, piuttosto costose, indicate nel ricettario...il pane non viene bene.
Siccome sono "un attimino testarda", mi ostino a usare la farina che usavo con la mia defunta mdp: quella della Lidl che ha il lievito incorporato.
Il pane è buono, non come quello della mia precedente santa mdp, trovo delle differenze nella morbidezza.
Ma, la mia preoccupazione più grande è data dal rumore prodotto dalle pale.
Ditemi che non dovrò rassegnarmi alle altre farine...
Buona domenica e...fatemi gli auguri...sto andando a sfornare un'altra pagnotta...
 

Gelato biscotto handmade

Ciao a tutte finalmente riesco a postare qualcosa.
Non sono partita per una lunga vacanza, ma sono semplicemente stata, e ancora lo sono, schiava degli...operai. 
Un'esperienza che mi ha insegnato a non imbarcarmi mai più in ristrutturazioni seppur "piccole" in estate.
E vabbè...è andata così.
in ogni caso, se sono ancora viva è anche grazie alla ricetta del gelato biscotto handmade trovata su Pinterest
 
Ingredienti:
- 24 biscotti tipo Rigoli (la prima volta ho usato quelli e la consistenza è perfetta. La seconda ho provato con gli Oro Saiwa e restano più croccanti. In entrambi i casi, squisito)
- 1  brick da 250 gr di panna da montare
- 1 cucchiaio di zucchero a velo (io quello integrale)
- gocce di cioccolato

Esecuzione:
montare la panna, aggiungere 1 cucchiaio di zucchero a velo e con delicatezza, senza far smontare la panna, le gocce di cioccolato.
Foderate una teglia con pellicola trasparente. Mettere circa 12 biscotti e ricoprire con il composto. Coprire con altri 12 biscotti e chiudere con altra pellicola.
Mettere in freezer per almeno 3 ore. Gustare.
ma, attenzione...creano dipendenza.
 

marmellata di limoni...ovvero come conservare il gusto dell'estate


A fine aprile ho fatto potare le mie due piante di limoni.
Erano diventate altissime quanto inaccessibili.
Prima di far compiere l'operazione ho cercato su Pinterest varie ricette per impiegare i frutti: sapevo ci sarebbe stata una copiosa raccolta.
Giudicate voi...
Un grande cesto di quelli natalizi e un profondo cestino per la carta per un totale di kg di frutta, bio, profumata e succosa.
Ne ho regalato un po' alle amiche e ad una collega, che si è presentata a lavoro con questi dolci paradisiaci per me:
crostata e meringhe. la consegna è avvenuta in segreto nel parcheggio dello stabile...per fortuna! Se fosse entrata in ufficio con queste bontà mi avrebbero staccato anche le braccia pur di afferrarle ;)
Per sfruttare al meglio tempo e limoni,
ho deciso di provare con 1kg e lanciarmi nella produzione di marmellata. 
Se non l'avessi gradita avrei continuato con altre preparazioni.
La materia prima non mi mancava...l'entusiasmo neppure
Invece, il risultato ha superato ogni più alta aspettativa e ho dato inizio alle danze...
Alcuni di questi barattoli sono stati già regalati, due sono arrivati a Milano e altri sono stati prenotati. 
La ricetta che ho usato è quella che ho trovato su
Marmellata di limoni:
Ingredienti: 
1 kg di limoni di Sorrento (io di Cagliari) bio
700 gr di zucchero
acqua q.b.

Nota: preparazione veloce, più 48 h di riposo dei limoni e il tempo della sanificazione dei barattoli.

Esecuzione:
° Per preparare la marmellata di limoni, iniziando lavando i limoni sooto, spazzolando bene la buccia. Una volta lavati, asciugateli con un panno e tagliateli a fette molto sottili ed eliminate tutti i semi.

° Trasferite le fette di limone in una ciotola capiente e versate l'acqua fredda fino a ricoprirli. Coprite poi la ciotola con la pellicola e lasciate le fette di limone a bagno per 24h a temperatura ambiente. Traqscorso questio tempo, scolate le fette di limone.

° Trasferite nuovamente le fette di limone scolate in una ciotola e ricopriteli con acqua fredda pulita. Stedùndete un velo di pellicola sulla ciotola e lasciate in ammollo ancora per 24h a temperatura ambiente. Questa operazione servirà ad eliminare il gusto acidulo a amarognolo dei limoni. Una volta trascorse altre 24h, scolate le fette e trasferitele in una pentola capiente, dove verserete nuova acqua pulita fino a coprire tutto.

° Mettete la pentola sul fuoco e portate a bollore. Una volta che il composto è arrivato a bollore scolateli nuovamente, tenedo da parte 350 ml di acqua di cottura. Dopodichè rimettete il tutto nella pentola e irrorate con l'acqua di cottura che avete messo da parte.

° Aggiungete lo zucchero e cuocete a fuoco medio per circa 40 minuti, mescolando di tanto in tanto. Mentre la marmellata cuoce, dedicatevi alla sanificazione dei barattoli e dei tappi. Una volta terminata questa operazione, tornate alla vostra marmellata di limoni e controllate la cottura: prima di spegnere il fuoco, fate la prova "piattino": vesrtate mezzo cucchiaino di composto su un piattino inclinato. Se il composto colerà, vorrà dire che la marmellata necessita di cuocere ancora, diversamente, sarà pronta.. Trasferite la marmellata ancora calda nei barattoli che avete sanificato, aiutandovi con un mestolo e avendo cura di lasciare 1 cm di spazio dal bordo. Avvitate bene i tappi e lasciateli raffreddare. 
Facile no?
Buona colazione

Minions, Pasqua e ovetti


Rieccomi tra voi, giusta giusta dopo le vacanze pasquali.
Quest'anno con l'avvento della primavera mi sto dedicando con grande spirito di abnegazione al riordino del giardino e del garage ed è per questo che sono un po' sparita.
Ne hanno risentito i miei hobby, ma nonostante ciò sono riuscita a terminare un pensierino per mia sorella:
una mascherina per la notte dei Minions
L'idea è stata spudoratamente copiata da Pinterest.
Pannolenci, filo da cucito, elastico, imbottitura e una fitta mezza giornata di lavoro mi hanno permesso di realizzarla.
Per il retro ho optato per il pannolenci nero
Poi, visto che avevo un invito a pranzo proprio per il giorno di Pasqua, ho pensato di impreziosire due portacandela a forma di tulipani con alcune generose manciate di ovetti di cioccolato, che devo dire, sono state assai gradite
Niente di complicato, perchè il tempo è stato davvero pochissimo
Infine un pensierino, ino, ino per i bimbi di due amiche:
bolle di sapone e altri ovetti di cioccolato
 Ed ecco che la mia Pasqua è trascorsa così, in semplicità e con i miei affetti più cari.
Buona settimana a tutte voi che passate di quì...
 

Crackers con farina di ceci e rosmarino fatti in casa


Si avete letto bene: oggi voglio condividere con voi questa ricetta trovata nel web e subito provata con...ottimi risultati.
L'ho trovata su Pinterest che mi ha rimandatao a "le chateau des gourmandises Dolci a volontà"
 Questi crackers sono uno snack delizioso che crea dipendenza...quindi occhio ;)
Seguitemi e fatemi sapere...
Ingredienti per l'impasto:
160 gr di farina 00 (io ho usato la "2")
80 gr di farina di ceci
200 ml di acqua frizzante
2 cucchiai di olio evo
1 cucchiaino di sale 
3 cucchiaini di rosmarino tritato

Per la superficie:
olio
sale

Procedimento:
1. se avete l'impastatrice vi basterà inserire tutti gli ingredienti nella ciotola e mescolare fino a d ottenere un impasto omogeneo.
2. Se volete prepararlo a mano (come ho fatto io), in una ciotola setacciate le farine (io non l'ho fatto) e mescolatele, aggiungete il sale e il rosmarino tritato.
3. Per ultimi aggiungete l'acqua e l'olio ed impastate fino ad ottenere un composto omogeneo e ben lavorabile (non deve essere appiccicoso). Potete aggiungere altra farina tipo 00 se necessario.
4. Avvolgete l'impasto nella pellicola trasparente e fatelo riposare in frigo per 1 mezzoretta. Trascorso questo tempo potrete suddividere il composto in 4 parti ed iniziare a stenderle con il mattarello singolarmente: dovrete ottenere una sfoglia sottilissima di 1 mm circa (in questo modo otterrete dei crackers più croccanti)

5. Ritagliateli a rettangolini con una rotella e spennellateli di olio, quindi cospargeteli di sale e disponeteli in una teglia foderata di carta da forno
6. Cuoceteli con il grill del forno acceso a media potenza per 5 min. circa (io ho usato il forno ventilato a 200°). Controllateli spesso per evitare che si brucino i bordi.
p.s.con queste dosi ne vengono abbastanza, quindi si possono suddividere in sacchettini e surgelare.
Io li ho già preparati due volte perchè quando si assaggiano non si è più disposti ad acquistare quelli industriali: sono buonissimi!!!
Voi li avete mai provati? 
Conoscete altre varianti da suggerirmi? 
In attesa dei vostri consigli vi auguro un buon inizio settimana

Ve la ricordate...

...quella simpatica LINEA che compariva nelle nostre tv in bianco e nero? La stessa che è comparsa a lungo nella reclame di una nota marca di caffettiere?
Ebbene...l'ho ritrovata in una delle mie sessioni giornaliere di ricerche forsennate su Pinterest e...non ho resistito:
ho dovuto ricamarla.
Ed eccola quà ad impreziosire un altro pensierino natalizio:
 Vi piace?